Aria compressa, a cosa serve

L’aria compressa è una fonte di energia utile per tutte le aziende.        

L’aria compressa è la quarta forma di energia utilizzata in ambito industriale, in quanto presenta notevoli punti di forza e delle caratteristiche che rendono il prodotto unico.

A differenza di altre fonti di energia, l’aria compressa viene generata sul posto, direttamente da chi lo utilizza.

La produzione, il trattamento, la filtrazione e la distribuzione dell’aria compressa sono mercati in continua evoluzione, sensibilizzati da tecnologie innovative e sempre più avanzate.

Le applicazioni sono molteplici, sia nei settori civili che industriali ed elencarle tutte sarebbe impossibile, ma possiamo citare le più comuni:

  • Verniciature
  • Generatori di moto
  • Metallurgia
  • Movimentazione
  • Ecologia
  • Processi biologici
  • Processi automatici
  • Imballaggio
  • Alimentari
  • Pneumatica
  • Formatura
  • Pulizia
  • Auto motive

Le principali divisioni dell’aria compressa

L’aria compressa viene prodotta dai compressori, che vengono classificati in due gruppi:

compressori volumetrici:

la compressione in questo caso è ottenuta aspirando l’aria all’interno di un volume che viene ridotto con forza, per questa tipologia di compressori possiamo trovare due versioni: pistone alternato e pistone rotante.

compressori dinamici:

in questo caso la compressione viene ottenuta per effetto dell’accettazione delle masse d’aria aspirata, successivamente seguita dal rallentamento delle medesime, per questa tipologia possiamo trovare i compressori: assiale e radicali.

L’accumulo dell’aria compressa prodotta ha degli scopi ben precisi:

  • livellare la differenza della pressione
  • stabilizzare l’erogazione dell’aria compressa
  • creare una riserva in caso di elevata richiesta di aria

L’aria compressa viene accumulata all’interno di un serbatoio, e la sua pressione interna è controllata da un pressostato, disposto a soglia che interviene quando la pressione raggiunge il livello massimo al suo interno, staccando il motore.

Al contrario quando la pressione scende al di sotto del livello minimo, il motore viene attivato per portare la pressione al suo giusto livello.

Unità di trattamento aria per ripulire e filtrare l’aria

La necessità di mantenere sotto controllo i parametri dell’aria compressa come l’umidità, temperatura, velocità e purezza all’interno degli ambienti oggi è sempre più necessario.

Prima di poter usare l’aria compressa è necessario che l’aria venga trattata, il trattamento dell’aria è in genere realizzato con specifiche unità, U.T.A. (Unità di trattamento Aria), nonché piccole apparecchiature che consentono di regolare i parametri.

Esistono anche Centrali di Trattamento Aria, semplicemente macchine più grandi che vengono usate per impianti di dimensioni notevoli, ma seguono a grandi linee lo stesso principio di funzionamento.

La configurazione di base è composta da un ventilatore in grado di aspirare l’aria e di spingerla, a seguito di una serie passaggi che ne modificano i parametri in direzione dei punti di diffusione dell’ambiente.

Andando sempre più nel dettaglio possiamo trovare una serranda di presa, che regola il flusso dell’aria all’interno dell’apparecchio.

Un recuperatore, che dove è presente permette di ottenere un recupero energetico , un filtro, una batteria di riscaldamento e o di raffrescamento.

I principali componenti dell’unità di trattamento Aria sono:

  • Filtro: trattiene le impurità
  • Regolatore: trasforma la pressione
  • Lubrificatore: inserisce nell’aria filtrata una nebbia di olio, in modo tale da riuscire a lubrificare gli organi meccanici in movimento

Quando si tratta di trattamenti dell’aria, ma più nello specifico di un particolare settore è necessario valutare un’attenta progettazione, in quanto tutti gli elementi non vanno visti come singole parti ma devono essere collocati e contestualizzati per ridurre al minimo i consumi energetici.

Identificare soluzioni innovative per fornire e favorire l’ottimizzazione dei costi di funzionamento degli impianti ad aria, agevolare il risparmio è molto importante, partendo dalla progettazione e concludendo il percorso con l’installazione degli impianti ad aria compressa.